Pulizia del cestello della lavatrice: 3 cose da ricordare bene
Pulizia del cestello della lavatrice: 3 cose da ricordare bene

La lavatrice è uno degli elettrodomestici più utilizzati nelle abitazioni. Essendo un elettrodomestico utilizzato con molta frequenza, la lavatrice può andare spesso incontro a inconvenienti dovuti agli eccessivi lavaggi a cui viene sottoposta. Ecco perché è fondamentale prendersi cura della lavatrice con una manutenzione e una pulizia che devono essere eseguite almeno una volta al mese..

Come fare la pulizia del cestello della lavatrice è fondamentale. Se non si effettua la giusta manutenzione e la giusta pulizia, la lavatrice potrebbe rompersi. A quel punto son dolori: l’unica cosa da fare in caso di guasto della lavatrice con eventuale dispersione d’acqua, se vi trovate al nord Italia, è rivolgersi immediatamente a un idraulico 24 ore a Milano e provincia.

Come fare la pulizia del cestello della lavatrice: primo segreto

La prima cosa da sapere è che non sempre servono prodotti chimici specifici per ridare al vostro cestello un buon odore e un buon livello di igiene. Ma cos’è che provoca cattivi odori nel cestello?

Quei cattivi odori che nessuno vorrebbe mai che si verificassero all’interno della propria lavatrice, sono il risultato di depositi di calcare, muffa e batteri che, combinati con l’umidità del cestello, sprigionano quel cattivo odore che impregna anche i vestiti causando fastidio nell’indossarli.

Quindi, quando aprite il cestello e sentite cattivo odore di muffa e di umidità, non ricorrete subito a prodotti chimici dannosi per l’ambiente. Prima di tutto provate a fare un lavaggio a vuoto ad alte temperature, quindi 60-90°C. In questo modo gli odori fastidiosi dovrebbero scomparire e nessun vestito emanerà più cattivi odori.

Come fare la pulizia del cestello della lavatrice, quindi, è senza dubbio fondamentale e va fatta almeno una volta al mese, ma un’altra cosa da non dimenticare è che il cestello va sempre lasciato aperto per un po’ di tempo dopo il lavaggio. Quindi non chiudetelo subito. Lasciatelo aperto mentre stendete i vestiti e aspettate che si asciughi in modo che al suo interno non si crei umidità. Una volta che si è asciugato per bene, potete chiuderlo, anche se c’è chi non lo chiude affatto per prevenire formazione di umidità e muffa.

Come fare la pulizia del cestello della lavatrice: secondo segreto

Un altro trucco molto utilizzato da chi conosce l’importanza di pulire regolarmente il cestello della lavatrice è l’utilizzo dell’aceto bianco con cui detergere non solo il cestello, ma anche il filtro e la vaschetta del detersivo.

Il procedimento per utilizzare l’aceto come prodotto con cui pulire il cestello della lavatrice è il seguente: prima di tutto bisogna estrarre la vaschetta del detersivo, poi metterla in ammollo in una bacinella piena d’acqua calda e aceto. Vi consigliamo di lasciarla in ammollo almeno un’ora, dopodiché passate all’interno della vaschetta una spugna imbevuta d’aceto e ricollocate la vaschetta nel suo alloggiamento.

Per un risultato ancora migliore potete sciogliere in acqua e aceto anche un cucchiaio di bicarbonato o qualche goccia di olio essenziale di limone o lavanda. Fatto questo, procedete come sopra pulendo la vaschetta con questa nuova soluzione a base di aceto e bicarbonato.

Tra l’altro il bicarbonato può anche essere utilizzato per creare una specie di pasta abrasiva da utilizzare per pulire le guarnizioni e le incrostazioni che si formano nel cestello e nel filtro della lavatrice. Questo tipo di pasta abrasiva è molto facile da creare. Basta riempire mezzo bicchiere di bicarbonato, aggiungere poche gocce d’acqua e mescolare il contenuto finché non si amalgama in una pasta da usare come prodotto efficacissimo per la pulizia del cestello della lavatrice.

Come fare la pulizia del cestello della lavatrice: terzo segreto

Dopo l’aceto e il bicarbonato, un altro trucco assai utilizzato da chi vuole sapere come fare la pulizia del cestello della lavatrice per evitare la formazione di umidità e incrostazioni di calcare nel proprio elettrodomestico, è sfruttare le proprietà acide e antibatteriche del limone. Il limone infatti è perfetto nello svolgere pratiche igieniche.

Quindi quello che dovete fare è molto semplice...

Preparate prima di tutto una soluzione con 150 grammi di succo di limone disciolto in un litro d’acqua, poi versate il composto nel cestello e infine fate partire la lavatrice impostando un lavaggio ad acqua calda, almeno sessanta gradi. Vi consigliamo di effettuare questa operazione almeno una volta al mese e di usare acqua e limone anche per pulire l’oblò della lavatrice e le parti esterne dove possono depositarsi batteri che a lungo andare potrebbero dare luogo a muffe infestanti.